Amore vero (#23)

Non sento quando ci sei tu.
Non provo più nulla
se non l’amore vero.
L’emozione di sfiorarti
che nasce nello stomaco
quando non se se il mio tocco
potrebbe infastidirti.
La paura dei tuoi abbracci,
quando il tuo viso
si avvicina troppo al mio
e tu non sai quanto
le mie labbra
desiderino le tue.
Sento solo questo, come
fossi in una trance.
Poi il vuoto:
chi se ne frega di quello che sta accadendo fuori
al connubio della
nostra anima?
Chiamami ancora amore.

a028

© Dario Enne

L’amore non è cieco (#22)

Una volta ho sentito
in una canzone
che l’amore è cieco.
E l’ho sempre pensato,
son stato sempre d’accordo
finché poi non sei arrivato
e mi hai fatto ricredere.
L’amore non è cieco;
l’amore 
non deve essere cieco.
Con te io l’amore lo vedo,
lo percepisco ogni volta che
sei con me;
mi abbaglia come un faro
a notte fonda.
E non solo:
io lo palpo, lo tocco
e l’abbraccio.
Io ci faccio l’amore
con l’amore che, quando ci sei,
mi prende col solo sentir
l’odore della tua pelle.
L’amore non è cieco:
l’amore è vivo quando
io ti vedo.
Quando tu ci sei.

watercolorpaintingofaneye

© Dario Enne

In favor di chi? (#21)

In favor di chi son le stelle?
Mio o tuo?
È un gioco d’azzardo,
quello che all’ora fonda
giochiamo.

Le mie dicon che
ho poco tempo per agire.
Le tue, invece, che
dovresti tentar qualcosa di
nuovo.

Ma se questo gioco
t’ha stancato,
io domattina non ti aspetto.
Dormo, e ti sogno.

Aspetta, però:
perché c’è da dire che
anche se non sono in tuo favore, le stelle,
il mio cuore e la mia mente lo sono.

cosmic-energylarge

© Dario Enne

Da chi parte la Pace? – Pipì

Da chi parte la Pace se non dal singolo individuo che desidera professarla?

Da me parte in maniera sporadica, lo ammetto. Mi perdo spesso in uscite d’ira e di sclero quando la Pace che dico di professare poi non c’è.
E mi fa male come fa male ad una madre sgridare il proprio bambino,
mi fa male come fossi un albero che viene sradicato: perdo le mie fondamenta,
perché ho deciso sì di basare la mia vita sulla Pace
ma spesso non riesco a non rispondere alle tentazioni.

Da chi parte la Pace, allora, se il singolo individuo che desidera professarla, poi la perde?

© Dario Enne

Dove non è la Pace – Pipì

Ho soltanto un desiderio, reale e profondo: che gli uomini abbassino le armi e che l’Umanità ritorni a regnare, così come dovrebbe essere già dopo i tanti soprusi subiti. Non c’è un senso nel mettere l’uomo contro l’uomo o contro la natura. Non c’è un senso per cui un ideale è giusto e l’altro, opposto, è sbagliato. Viviamo in una società che, fondamentalmente, non ha ancora visto la Pace perché troppo occupata a chiedere aiuto agli amici su quale sia la foto più bella da poter pubblicare sui Social Network. Non ci mandiamo più messaggi di pace l’uno con l’altro, perché si sa: quanto più un tema è ampio e delicato, meno ci tocca e meno se ne parla. Il problema, allora, non è in chi fa la guerra o in chi si comporta in maniera totalmente contraria a quella che l’Universo vorrebbe: il problema sta in chi sa che c’è qualcosa da dire e qualcosa da fare, in tutte le persone che prendono coscienza di dover agire, ma che per paura, pigrizia e omertà non agiscono.

© Dario Enne